CHI SIAMO

CHI SIAMO

Incontri in Terra di Siena è un’associazione culturale con sede a Villa La Foce in Val d’Orcia, Toscana. Fu fondata nel 1988 dal violoncellista Antonio Lysy e sua madre Benedetta Origo in memoria di Antonio Origo e sua moglie Iris, la nota scrittrice anglo-americana, che si dedicarono alla bonifica e allo sviluppo della Val d’Orcia e della sua popolazione fin dal 1924.

Fin dall’inizio il festival ha mirato a trasmettere l’apprezzamento della musica e dell’arte, tramite concerti, incontri, mostre e diversi eventi culturali nelle tante località di eccezionale bellezza della zona, come Pienza, Montefollonico, Città della Pieve, Sarteano e Castiglioncello sul Trinoro.

.

Per il 30° anniversario degli Incontri, Benedetta Origo scrive:

Trent’anni sono proprio tanti. Non potrei più concepire un’estate senza gli Incontri. Sfogliando i nostri vecchi e colorati libretti, con i loro programmi di musica indimenticabile e tante foto nostalgiche, ritornano alla mente amicizie, persone ormai scomparse, figli e nipoti che crescono, momenti difficili e grandi gioie, ricordi intrecciati di ansie e speranze, di cambiamenti e continuità, che camminano a pari passo con le nostre vite. Notti di magia d’estate e di musica nei giardini, chiese, piazze, luoghi bellissimi che hanno ospitato i nostri concerti e cene lunari: il Castelluccio nostra sede per trent’anni (oggi non più nostro – il mondo cambia), la Fattoria dell’Amorosa storica compagna degli inizi, la misteriosa Pieve di Corsignano a Pienza, la deliziosa Montefollonico, Città della Pieve che pur non essendo in Toscana ci ospita con tanto entusiasmo, il giardino a La Foce –ecco alcuni dei luoghi preferiti dal nostro pubblico.

La Foce – e quindi gli Incontri – non sarebbero potuti esistere senza Antonio e Iris Origo e la loro straordinaria opera di bonifica in Val d’Orcia: opera che Sergio Romano celebra nel suo opuscolo scritto per gli Incontri nel 1989, ‘La Toscana Conquistata di Antonio e Iris Origo’, di nuovo disponibile durante il festival 2018.

Ecco anche le parole di Yehudi Menuhin, dopo dieci anni di festival (1998): “Incontri in Terra di Siena, il più prodigo d’amore e il più giovane di tutti i festival, capace di congiungere gli aspiranti giovani di età agli ancora aspiranti giovani di spirito. (…) E alla mia età, come è confortante pensare che sia il caro Antonio, la cui crescita è stata per tanti anni nelle mie mani, a dirigerlo e guidarlo!”.                                                                            Benedetta Origo, Febbraio 2018

Fondatore del festival, Antonio Lysy

Nipote di Antonio e Iris Origo e fondatore principale degli Incontri, Antonio è un violoncellista di riconosciuta fama internazionale e professore alla Università di California a Los Angeles. Per alcuni anni, ha invitato musicisti come Pascal Rogé e Kathryn Stott ad affiancarlo come Direttori musicali degli Incontri, mentre artisti del calibro di Maurizio Pollini, Vladimir Ashkenazy e Maxim Vengerov fanno parte del nostro Comitato d’onore.

Per l’anniversario dei 30 anni del festival, Antonio Lysy scrive:

‘Se tu avessi una fetta di cielo che tutti sognano di toccare, non vorresti condividerla?

Ricordo che fin da bambino, quando potevo invitare a La Foce gli amici di scuola, desideravo spartire con loro questo ambiente così privilegiato, per la sua bellezza, la sua storia, il suo significato e la sua meravigliosa capacità di ispirazione. I miei nonni hanno sicuramente sentito la stessa attrazione quando scoprirono la Val d’Orcia e furono sedotti dal suo fascino e dalla sua promessa, arida com’era a quel tempo.

I concerti iniziarono in modo semplice e idealistico, ma anche, lo ammetto, per motivi egoistici (avevo appena terminato gli studi e mi affacciavo alla vita professionale). Era un modo per riunire amici e anime simili intorno ai capolavori della musica da camera in un ritiro di pace – seppure con l’incentivo del successo che inevitabilmente condiziona tutti gli artisti – e presentare la nostra arte ad un pubblico capace di apprezzarne l’alto livello. Le circostanze erano più che favorevoli.

Oltre a rappresentare un tributo affettuoso ai miei nonni e alla loro straordinaria opera filantropica nella regione, gli Incontri arrivarono nella valle come un alito di aria fresca, qualcosa di nuovo, di stimolante e significativo, attraverso la musica e l’arte. Il festival ebbe un rapido sviluppo e attrasse un folto pubblico, grazie agli sforzi instancabili di mia madre, del flusso continuo di grandi artisti, dei soci fondatori, di tanti sostenitori nel mondo, della stampa e del fedele gruppo di persone che ancora oggi dedica tempo e abilità al suo management. L’aggiunta della Locanda dell’Amorosa, e poi di altri borghi e luoghi, ha dato un sapore itinerante alla serie, allargando l’esperienza globale degli Incontri e aggiungendovi uno charme romantico unico del suo genere. Incredibile ma vero: c’è un membro del comitato esecutivo –il nostro carissimo amico Alfiero Mazzuoli – che non ha mai mancato un solo concerto.

A trent’anni di distanza, gli Incontri non solo hanno guadagnato la stima internazionale del mondo musicale, ma si sono ormai stabilmente radicati nel suolo fertile della Val d’Orcia. Durante quelle poche fuggevoli ma splendide notti estive, sono l’anima stessa della valle. Ora guardiamo avanti insieme, nella speranza di condividere con voi, il nostro devoto pubblico, molte nuove esperienze fantastiche.
Antonio Lysy, Febbraio 2018

Direttore artistico, Alessio Bax

Il pianista Alessio Bax ha assunto la direzione artistica degli Incontri nel 2017.

Un liricismo eccezionale in congiunzione con una tecnica perfetta pongono Alessio senza dubbio tra i più notevoli giovani pianisti di oggi (Gramophone).  E’ stato catapultato alla ribalta quando ha vinto il primo premio sia alla Leeds International Competition che a quello di Hamamatsu, e oggi è un volto familiare in quattro continenti, non solo come musicista da camera e di recital, ma come solista che si è esibito con più di cento orchestre.

E queste sono le parole di Alessio Bax per il trentennale:

Ci sono molti festival di eccellenza nel mondo, ma solo quelli che hanno una loro identità sono veramente di successo e di lunga durata. Incontri in terra di Siena è uno di questi.
Il rapporto che Incontri ha col territorio è innegabilmente speciale. Nasce da una unione eclettica di persone che supportano il Festival rendendolo quello che è: qualcosa che va oltre l’Italia nello spirito dell’arte, della musica, dell’amicizia e della bellezza.
Immersi nel magnifico contesto che offrono La Foce e la Val d’Orcia, i nostri musicisti, di fama internazionale, riescono a creare, anno dopo anno, qualcosa di veramente speciale ed unico.
La grande musica creata nel festival Incontri in Terra di Siena appartiene alla terra esaltandone la bellezza e donando agli spettatori una esperienza così profonda e gratificante da accompagnarli per molto tempo.’
Alessio Bax, Gennaio 2018

Cosa dice la stampa:  

“…the brilliance of the Incontri continues to draw visitors and musicians to La Foce.”  – Concerti –

“Incontri is a festival embedded not just in the landscape and towns of Tuscany but also its history.”  – The Arts Desk –

“One of the most enjoyable musical enterprises of the Tuscan summer” Financial Times –

“A Tuscan musical fairytale” Luister –

To read the full articles and more, Click HERE

Festival Manager
Nicky Swallow

Segreteria
Mariapia Poppi

Ufficio Stampa 
Nicky Thomas Media

 

BOARD MEMBERS

Comitato Onorario
Marella Agnelli, Vladimir Ashkenazy, Paolo Baratta, Colin Firth, Maurizio Pollini, Gioacchino Lanza Tomasi, Maxim Vengerov.

Soci Fondatori
Alessandro Alì, Carlo Citterio, Antonio Lysy, Benedetta Origo, Emanuela Stramana, Alberto Versace

Comitato Esecutivo (Italia)
Benedetta Origo (President), Fulvia Mazzuoli (Vice President), Anne M. Bauer, Geneviève Brion, Giovanna Lysy, Alfiero Mazzuoli, Carol Van Wonterghem.

Comitato Friends of Incontri (US) 
Antonio Lysy (President), Michael P. Bertrando (Vice President), Theresa Chaides (Secretary/Treasurer)
Nancy Bertrando, Suzanne Deal Booth, Michael Cioffi, AMB Robert Gosende, Katia Lysy, Benedetta Origo, Bruno Santonocito, AMB Urs Ziswiler.